Lo Stretching perché è fondamentale

Lo Stretching perché è fondamentale

Stretching

Lo stretching è pubblicizzato come la cura di quasi tutti i malesseri muscolari.

Ma è davvero così importante?

Sfortunatamente, la giuria non si è ancora pronunciata a riguardo.

L’unica cosa che sappiamo è lo stretching ti fa sentire BENE!

Ecco il low-down sullo stretching!

Gli esercizi di stretching sono importanti per mantenere la gamma di movimento e sostenere l’integrità delle articolazioni.

La parte migliore dello stretching è la sua semplicità e che richiede pochissime attrezzature.

Esercizi stretching: i benefici

  • Maggiore flessibilità con ridotto dolore muscolare
  • Migliore gamma di movimenti nelle articolazioni
  • Livelli di energia più alti (risultante dall’aumento della circolazione)

Per i migliori risultati, tuttavia, potrebbe essere necessario gettare la tua vecchia routine di stretching fuori dalla finestra.

Ecco la corsa verso il basso sui quattro tipi di tratti:

Assistito (passivo)

Gli esercizi di stretching passivo assistiti sono quelli che richiedono assistenza esterna come gravità, cinghie, peso corporeo, un personal trainer o una macchina.

Ti affidi alla forza esterna per tenerti in posizione per sentire l’allungamento e rilassare il muscolo.

Gli stretching di allungamento assistiti sono estremamente comodi e in genere non è necessario lavorare duramente per ottenere il massimo.

Il rovescio della medaglia è che la forza esterna potrebbe essere più forte di quanto tu sia flessibile.

Esempio: tratto del bicipite femorale sdraiato.

Sdraiati sulla schiena, piega le ginocchia e poggia i piedi sul pavimento.

Tira un ginocchio verso il petto e poi, tenendo dietro il polpaccio o il tendine del ginocchio (non il ginocchio), estendi la gamba verso il soffitto.

Sentirai un allungamento lungo il lato posteriore della gamba.

Le tue braccia stanno creando l’assistenza in questo tratto.

Stretching non assistito (attivo)

esercizi di stretching attivi non assistiti non richiedono l’assistenza esterna.

Devi contrarre un muscolo per allungare il muscolo avversario in un esercizio non assistito.

Questo tipo di stretching è molto meno comune a causa dello sforzo richiesto. Devi fare affidamento sulla tua forza per produrre un tratto del gruppo muscolare avversario, che aiuta a proteggere le tue articolazioni.

È considerato molto utile per migliorare i movimenti quotidiani e la postura, in particolare.

Stretching

Esempio: imposta l’allungamento al bicipite femorale allo stesso modo in cui è elencato sopra ma, invece di afferrare la gamba al polpaccio o il tendine del ginocchio, contrai la parte anteriore del muscolo della coscia (i quadricipiti) e solleva la gamba verso il soffitto per allungare il bicipite femorale.

Cerca di evitare di comprimere la spina dorsale nel pavimento o di sollevare il coccige dal pavimento.

La forza del tuo quadricipite sta creando il tratto per il tendine del ginocchio.

Stretching statico

Stretching di allungamento statico è quello in cui i muscoli vengono mantenuti per un periodo di tempo più lungo (ovunque tra 10 e 30 secondi si ottengono grandi risultati) e possono essere assistiti o non assistiti.

Esempio: passare al tendine del bicipite femorale come descritto (assistito o non assistito) e trattenere l’arto per 10-30 secondi.

Rilascia e ripeti.

Stretching dinamico

Gli allungamenti dinamici prevedono un movimento.

Entrambi gli esercizi non assistiti e assistiti possono essere dinamici.

Dovrebbero essere controllati; nessun rimbalzo.

Ripetere il movimento 10-12 volte produrrà i migliori risultati.

Recentemente, la ricerca ha scoperto che lo stretching dinamico è legato al miglioramento delle prestazioni sportive e alla maggiore mobilità.

Esempio: un allungamento dinamico potrebbe iniziare con il tratto dei muscoli posteriori della coscia.

Tuttavia, invece di mantenere l’allungamento, muovi la gamba su e giù in modo controllato e fluido.

Alcune cose da ricordare

StretchingTutti e quattro i tipi di stretching sono ugualmente utili ma hanno il loro posto nel regime di allenamento.

Recenti studi hanno scoperto l’ordine e la frequenza con cui si utilizzano questi esercizi può avere un impatto sui movimenti quotidiani e / o sulle prestazioni sportive.

Lo stretching, sebbene abbia molti benefici, è in realtà piuttosto stressante per i muscoli e le articolazioni perché l’atto dello stretching provoca effettivamente danni microscopici ai tessuti molli.

Il tessuto molle alla fine si ripara da solo e può portare a una maggiore mobilità. Una volta allungato, il muscolo è stressato così da avere più difficoltà a produrre energia per un’attività.

Una buona regola generale: utilizzare stiramenti dinamici e attivi prima dell’attività per preparare il corpo all’allenamento.

Quindi, per aumentare la flessibilità dopo l’allenamento, aggiungi esercizi di stretching statico, sia attivo che passivo, tratti.

Esercizi molto indicati per il benessere generale del corpo solo stretching inguinale e lo stretching cervicale.

Buono stretching!

  • Share:

Leave A Comment